HealingPlaces

HealingPlaces

Enhancing environmental management capacities for sustainable use of the natural heritage of Central European SPA towns and regions as the driver for local and regional development.

Il Progetto HealingPlaces è finanziato dal programma Interreg CENTRAL EUROPE 2014-2020, che attraverso lo stanziamento di 246 milioni di euro da parte del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, incentiva le istituzioni di Austria, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Italia, Polonia, Slovacchia e Slovenia, a lavorare insieme oltre i confini nazionali per migliorare la qualità della vita delle loro città e regioni.

Nello specifico HealingPlaces si occupa di supportare lo sviluppo sostenibile delle aree termali, proteggendo le risorse uniche che esse custodiscono, attraverso la costruzioni di modelli di governance multilivello e multi-territoriali capaci di migliorare la gestione delle SPA e di valorizzarne il loro patrimonio sia dal punto di vista culturale che naturale.

 

Il partenariato, guidato dal Central Mining Institute di Katowice (Polonia) è composto da organizzazioni rappresentanti 7 diversi Paesi Europei, tra cui:

 

  • l’Istituto per lo sviluppo territoriale della Regione di Dolnoslaskie (Polonia);
  • la Regione di Hajdú-Bihar (Ungheria);
  • la società di consulenza Business Upper Austria – OÖ Wirtschaftsagentur GmbH (Austria);
  • l’organizzazione no profit BORA 94 –Borsod-Abaúj-Zemplén, (Ungheria);
  • la città di Križevci (Croazia);
  • il Centro per lo sviluppo territoriale Novo mesto Ltd (Slovenia);
  • l’Università Mendel di Brno (Republica Ceca);
  • l’Agenzia di Sviluppo LAMORO (Italia, Nord Ovest);
  • il Polo Tecnologico di Pordenone (Italia, Nord Est).

A livello territoriale il progetto insiste su aree termali specifiche tra cui:

  • la Bassa Silesia per la Polonia;
  • le province di Borsod-Abaúj-Zemplén and Hajdú-Bihar per l’Ungheria;
  • la Regione dell’Alta Austria per l’Austria;
  • il complesso termale di Sveti Martin per la Croazia;
  • la regione Sud Est per la Slovenia;
  • le località di Bludov, VelkéLosiny e Karlova Studánka per la Repubblica Ceca;
  • il territorio di Acqui Terme per l’Italia (Nord Ovest);
  • le terme di Abano e Montegrotto per l’Italia (Nord Est).

 

L’intero iter progettuale si struttura su tre pacchetti di lavoro basati sull’obiettivo di sviluppare degli strumenti comuni per una valutazione integrata delle minacce e delle pressioni esistenti e future gravanti sulle risorse acquifere minerali e termali in tutta l’area dell’Europa centrale.

Il primo pacchetto di lavoro riguarda la mappatura e la valutazione ambientale delle aree termali di interesse del progetto come risultato di una profonda attività di analisi degli aspetti sociali, economici e ambientali svolta da ogni partner nel rispettivo contesto di riferimento.

A seguire il pacchetto di lavoro 2 con le azioni pilota che procederanno passo dopo passo a sostenere la concreta realizzazione di processi in grado di garantire la sostenibilità delle acque termali, garantendo un uso efficace e razionale delle risorse e la protezione degli ecosistemi, con una forte attenzione alle ricadute sociali ed economiche.

Infine, il pacchetto di lavoro 3 si occuperà di strutturare un’azione comune, grazie alla definizione di una strategia integrata e concertata tra i partner e gli stakeholders coinvolti nel progetto, per la gestione sostenibile delle risorse naturali delle SPAs.

ItalianoEnglishFrançaisDeutsch